Busajo Campus

PROGETTO EDUCATIVO

Busajo Campus è dunque un progetto educativo che mira alla riabilitazione, prevenzione e reintegrazione familiare, laddove possibile, degli “street children”.

Ospita bambini e bambine, i bambini vivono e svolgono le attività previste dal progetto all’interno del Main Building mentre nella struttura adiacente, la Casa delle bambine, vivono le bambine dove seguono un programma specifico volto al loro recupero e reinserimento sociale.

Le principali attività previste all’interno di Busajo Campus sono le seguenti:
• Recupero della dignità del bambino
• Istruzione e formazione professionale
• Assistenza medica e psicologica
• Attività sportive
• Attività agricole e pastorizia

E’ possibile accedere al Campus in regime residenziale o semiresidenziale.
A tutti i bambini inseriti nel programma residenziale viene offerto vitto, alloggio, corsi integrativi, cure mediche se e quando necessarie, la possibilità di frequentare le scuole della città provvedendo al pagamento delle rette scolastiche ed inoltre, tutti i bambini godono della possibilità di praticare attività sportive grazie alla costruzione di un campo da calcio regolamentare e di un campo da basket e pallavolo.
Il programma semiresidenziale offre ai ragazzi ed alle ragazze di strada non residenziali la possibilità di accedere al Campus anche dall’esterno per eventuali cure mediche o per frequentare i laboratori di formazione professionale, un modo per insegnare loro un mestiere e formarsi adeguatamente per ottenere un futuro lavoro in città e quindi diventare autonomi ed indipendenti.

Sono già attivi i seguenti laboratori di attività di formazione professionale:
• laboratorio della lavorazione del bambù e delle cornici
• laboratorio del pane
• laboratorio di tessitura e sartoria

Si ringrazia l’Associazione Etiopia nel cuore per la donazione di un minibus IVECO FIAT – capienza 27 posti a sedere – utile agli spostamenti dei bambini.

STRUTTURA DEL CAMPUS

Per lo svolgimento delle attività di Busajo Campus, lo Studio di Architettura Benaim (http://www.studiobenaim.it/) ha donato e realizzato il progetto architettonico che vedrà il termine della sua costruzione entro la fine del 2018, come previsto da progetto quinquennale.

Il progetto architettonico consiste in sintesi nelle seguenti strutture e spazi:
RECINZIONE di oltre 3 ettari di terreno in muratura, terminata nel marzo 2018.
POZZO artesiano realizzato nel 2014 quasi interamente grazie alla donazione di Braccialini spa.
CASA PER I GUARDIANI E DEL GENERATORE, terminata nel 2014.
RESIDENZA DELLA DIREZIONE, terminata nel 2014.
CAMPI SPORTIVI: da calcio in erba regolamentare, da basket e pallavolo, con il contributo di Hellas Verona, terminati nel 2015, attivi.
MAIN BUILDING: con 4 grandi camerate che ospitano fino a 60 bambini e 2 camere per gli educatori al primo piano e al piano terreno cucine, sala mensa, 2 aule, uffici, infermeria, biblioteca, laboratorio del pane, sala riunioni, una corte interna per attività ricreative, servizi. Terminato nel novembre 2016. Attivo.
CASA DELLE BAMBINE, con una capienza massima a pieno regime di 30 bambine, l’alloggio per l’educatrice, gli spazi per le attività di recupero. Lavori terminati nel novembre 2017. Attiva.
LABORATORI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE, costruzione conclusa a giugno 2017 con il sostegno di Prosolidar. Attivi.

All’interno del Campus grazie all’orto ed alla cura delle mucche e pecore presenti all’interno del compound, sono già operative l’attività agricola e di pastorizia.

OBIETTIVI FUTURI PER IL QUINQUENNIO 2018/2023

– Gestione ordinaria del Progetto educativo all’interno ed all’esterno del Campus.
– Completamento e arredo della costruzione della Casa per i Volontari, termine previsto: fine 2018.
– Completamento, acquisto di macchinari e arredo dei Laboratori di Formazione professionale.
– Water distribution per gli abitanti del villaggio con accesso dall’esterno del Campus.
– Scavo del secondo pozzo.
– Costruzione degli spogliatoi per le attività sportive.
– Acquisto moto per accedere ai villaggi.
– Sostituzione della stalla attualmente in terra-legno-paglia, con una in muratura.
– Attività agricola: acquisto di animali e allargamento e manutenzione dell’orto.

ATTIVITÀ IN ESTERNO

Per raggiungere l’obiettivo della reintegrazione familiare Busajo Campus svolge molte attività all’esterno del centro:

  • Sostegno alle famiglie dei bambini presenti in programma, attuato attraverso la costruzione di case per i più poveri;
  • Concessione di microcredito alle suddette famiglie;
  • Consulenza per la prevenzione dei fenomeni di abbandono ed assistenza sociale;
  • Attività di prevenzione nei villaggi circostanti;
  • Costituzione e gestione di “case famiglia” per i ragazzi che non possono essere reinseriti nella famiglia di origine.